.
Annunci online

centopassi
the house of the rising sun
 
 
 
 
           
       

Un evento imprevisto può cambiare radicalmente la visione del mondo e delle passate esperienze, se in fondo al cuore si è sempre saputo che nulla è affidato al caso.

Dopo non ci rimane che spendere bene il tempo che ci è stato concesso, facendo del proprio meglio ricordando il passato, guardando al futuro ma vivendo nel presente.

Vivere sapendo che l'oscurità deve finire, che sorgerà un nuovo giorno con il sole ancora più luminoso...
Le persone delle grandi storie hanno molte occasioni per tornare indietro, ma non lo fanno mai, perchè loro sono aggrappate a qualcosa.
Noi a cosa siamo aggrappati?
C'è del buono in questo mondo, è giusto combattere per questo, per la bellezza della vita, come fosse l'ultima prima dell'eternità.



Capire che ognuno di noi sarà salvato, capire che ogni istante che viviamo non andrà perduto nel nulla, capire che siamo ombre vaganti in un mondo di sole...

Cerco l'inifinito, desidero l'infinito, pretendo l'infinito, in questa vita o nell'altra.



Sono stanco di vedere un multicolore blog di fantasia.

contattatemi qui:

solo messenger: tyler885@hotmail.com




l'italiano non mi basta.


 Locations of visitors to this page

 
3 novembre 2004

un giorno di ordinaria follia.

 

"dai andiamo, vengo con te, lo faremo insieme!"



guardavo Turcatti negli occhi, guardavo quei suoi piccoli occhi neri senza espressione dietro a quegli occhiali tondi che gli davano un aria da vero secchione, lui, che anche studiando tutto il giorno aveva una pagella peggiore della mia.



"no, ma tu sei matto, tu sei matto!"



Non si sarebbe mai mosso dalla sua sedia Turcatti. era l'unico amico che avevo, gli altri erano troppo distratti, veloci, abitudinari per essere miei amici. Turcatti diceva sempre di si, eravamo amici io e lui, perchè non ne avevamo altri. a lui andava bene che decidessi io, a me andava bene di decidere, così si parlava del più e del meno cercando di cavarcela in qualche modo, all'itis, classe seconda, anno. 2000



da quel giorno capii che era un coniglio.



tutto accadde le ultime due ore del sabato, avevamo disegno e tecnologia meccanica. interrogazione a sorpresa, nessuno aveva aperto libro.



"Acquistapace Laura, Incani stefano, interrogati."



Scena muta, Laura che non era mai impreparata aveva negli occhi quella paura che ha un bambino quando non ha fatto i compiti, era sconvolta. Ed ero sconvolto io con lei, mi piaceva, mi piaceva tanto Laura, e vederla così mi distrusse.



Incani rideva, quell'anno verrà bocciato, l'abitudine ai tre in pagella gli aveva permesso di stare bene, di riderci sopra.



"Portatemi il diario"



Da far firmare ai genitori: "Comunico che Laura è impreparata, voto: 2, firma: Delle Grazie"



Aveva gli occhi lucidi Laura, avrebbe pianto a casa. nessuno aveva studiato quel giorno, ma lei aveva pagato per noi.



Tutti i miei compagni si sentirono sollevati, un sospiro di sollievo, stavolta non era toccato a loro, il pericolo era passato.



ma io la guardavo, guardavo i suoi occhi smarriti cercando una soluzione, pensando a cosa potevo fare... e mi venne un idea.



"Turco! ho un idea senti, vieni con me dalla professoressa, cerchiamo di convincerla a togliere il voto alla Laura, le portiamo il diario e le diciamo che vogliamo anche noi l'impreparato!"



Dovunque fossi andato Turcatti sempre mi aveva seguito. Quel giorno avevo davvero bisogno di lui, ma non si mosse, non si mosse di un millimetro. leggevo il terrore nei suoi occhi, e chissà, probabilmente pensava anche che fossi un pazzo. pazzo d'amore.



"ok, allora ci vado da solo."



"ma sei matto..."



mi alzai con il diario, andai dalla professoressa in un momento di distrazione generale, nessuno ci fece caso.



"anche io non ho studiato, non sapevamo si dovesse studiare. Anche io merito un due sul diario."



"non sei stato interrogato De Petri."



"Ma non sapevo interrogasse, e non è giusto che lo dia solo a loro, anche io lo merito."



"torna al posto De Petri."



Ci tornai rassegnato. avevo tentato, non potevo fare di più. Non sapevo che cosa dire...



passarono alcuni minuti, dovevamo fare qualcosa, non ricordo cosa. ma ad un certo punto...



"Acquistapace, Incani, portatemi il diario. De Petri... avevi ragione, ringraziatelo."



 


 


voti cancellati.




permalink | inviato da il 3/11/2004 alle 2:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



DeviantArt
artista preferito
altrogenio
il sito definitivo, si parte da qui
artista preferita
paesaggista


libertà
questa cazzo di verità!
passioni...
you're welcome
respirate con me
ascoltare ojos de cielo
Amicizia
fine di un sogno
inizio di un nuovo sogno
musica e video 1
musica e video 100's life


cuba come non la vedete sui giornali


ALCUNI BLOGS:
ilclown
Akeronte
ally
leo
Yogurtalimone
WATERGATE
scomunicando



me l'avete letto 160694 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     ottobre        dicembre