Blog: http://centopassi.ilcannocchiale.it

scherzavo!

no, in realtà avevo solo bisogno di vedere un film, e si riconferma ancora una volta la mia dipendenza da film. (una tra le tante..) io HO BISOGNO dei registi! ho bisogno di farmi coinvolgere da una storia, per uscirne che cammino avanti e indietro nella mia stanza (e dopo certi film lo faccio davvero se non mi vede nessuno) con discorsi da fare e progetti da realizzare... e pensieri da scrivere. ho visto BLOW, (inchino a Johnny Depp), con regista Ted Demme (sconosciuto). ma è troppo, troppo... vedi all'inizio, ridi, lui è uno che insegue qualcosa, cerca qualcosa, e si è proposto fin da bambino di non essere mai povero, mai come suo padre. la strada è una, la solita, spaccio= soldi, feste, auto, ville, amici simpatici... non starò qui a raccontarvi tutto, ma la scena in cui la bambina lo guarda, che dura cinque secondi, lei lo guarda e sembra chiedergli: "è questo che hai preparato per me?" e lo guarda mentre la portano via... e lui la vede e capisce di avere fallito, capisce che è colpa sua, capisce tutto questo grazie alla bambina. e la bambina rimane la sua unica ragione di vita, perchè come in molte storie vere lui rimane solo, solo, solo. devo riguardare "prova a prendermi" non puoi non dispiacerti per lui, anche se pensi a tutti quei poveretti che cercano lo sballo e lo ottengono grazie a lui. non puoi non dispiacerti perchè il regista è stato bravo a rendere la realtà com'è davvero: tutti noi cerchiamo qualcosa, ed ognuno trova le sue risposte, la sua è una risposta sbagliata, ma si può dire che l'ha cercata davvero, e ti dispiace del suo errore. paragonato a quei "cattivoni" nei film di seconda scelta, dove tutto sono tranne che uomini, questo è uno di quei "cattivi" per cui provi compassione. a me piace vedere le persone non per le risposte che trovano, ma per le domande a cui cercano risposta, per la baldanza con cui le cercano, e noto che i migliori sono quelli che cercano con più tenacia, che non si rassegnano. rischio di cadere nel banale, perciò mi fermo qui.

Pubblicato il 28/9/2004 alle 1.32 nella rubrica sui film.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web