Blog: http://centopassi.ilcannocchiale.it

passo numero uno.

Non ricordo più quando ormai, anni fa, doveva essere marzo o aprile, l'anno non andava bene, come al solito... Forse era la seconda superiore, mi trascinavo tutto il pomeriggio sui libri fingendo di studiare, disegnavo o scrivevo o ascoltavo solo musica.

Quella sera si alzò il vento. Un vento non freddo, non caldo, un vento leggero leggero sulla pelle ma continuo, un pò più forte, un pò meno, una carezza, un soffio... Mi ero affacciato alla finestra mentre il cielo si scuriva. In lontananza un uccello in volo solitario verso qualche remota destinazione, chissà cosa vedeva, chissà se mi vedeva, un ragazzino col lettore cd che ascolta la musica di braveheart immaginandosi di veder passare draghi indifferenti...

Gli si deve essere presentata una scena insolita poi... perchè quel ragazzino è sparito dalla finestra rientrando in casa, e dopo alcuni istanti è ricomparso sul balcone della soffitta con la giacca... e... un diario in mano. Un pazzo! Era quasi buio, nonostante ciò quel pazzoide si stava arrampicando sul tetto di casa sua! ma a fare che!?? Si siede sulle tegole e comincia a scrivere...

Non potevo perdermi assolutamente quel vento, era una sera unica, di quelle che sembra tutto perfetto, malinconicamente perfetto, il vento, la luce, le nuvole, i rumori lontani e le prime stelle... tanti problemi sulle spalle tanti ricordi nel cuore una penna in mano e un diario sulle gambe, e ho scritto, non vedevo niente ma ho scritto, ricordato, sognato e vissuto.

Ho trascritto la realtà che mi circondava raccogliendo da me e dal mondo ogni singolo pezzo, componendolo come un mosaico. Un pezzo singolo non significa nulla, ma tutti i pezzi insieme costruiscono. Amore e bellezza.

E l'ultimo pezzo, questo, che sono qui a raccontarvi, fa ancora parte di quel mosaico, ed è uno dei pezzi che preferisco... il racconto....

Quello che scrissi quella sera lo possiedo ancora, ho tenuto tutti i miei diari delle superiori: 5 anni 5 diari, forse trascriverò qualcosa ogni tanto...

Vado a casa, saluti

Pubblicato il 4/3/2005 alle 18.8 nella rubrica passato.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web